SCUOLA ITALIANA BUDO

Scuola di Arti Marziali e discipline orientali



Tai Chi Chuan

TAI CHI CHUAN Stile Yang


taiji gruppoLetteralmente Pugno (Ch’uan) della suprema polarità (T’ai Chi), il T’ai Chi Ch’uan è da tempo considerato una ginnastica di lunga vita. Caratterizzato da movimenti morbidi, lenti e continui, induce il praticante a lasciare affiorare un’attenzione sensibile che nel tempo farà ritrovare una nuova consapevolezza del corpo e dei suoi movimenti nello spazio. Ogni gesto pertanto non sarà fine a se stesso ma frutto di una conoscenza profonda che trae origine dalla Medicina Tradizionale Cinese, dalle filosofie orientali e dallo studio della circolazione energetica all’interno del nostro corpo.


taiji gruppo 2Osservare un gruppo di persone che pratica T’ai Chi Ch’uan è come assistere a un quieto, energico e ritmico andamento del mare. Chi pratica resta in relazione con se stesso, con il proprio respiro e con il movimento e il ritmo degli altri. Muoversi nel T’ai Chi Ch’uan significa riscoprire la capacità di stare attenti contemporaneamente a sé e a tutto ciò che accade intorno
.

Il Tai Chi Chuan è una arte marziale cinese la cui caratteristica è di non porre l'attenzione sulla forza, ma di un migliore impiego dell'energia vitale (Chi). E' adatto a tutte le età Il TAI JI QUAN è conosciuto anche come la "BOXE DELLE OMBRE", è una delle maggiori branche dell'arte marziale cinese del WU-SHU. Questo nome trae le sue origini dal concetto filosofico di TAI JI rinvenuto nel libro dei mutamenti (opera omonima composta durante la dinastia ZHOU nel 221 a.C.) e che esprime Il concetto di ogni cambiamento insito nell'alternanza delle due forze opposte dello YIN e dello YANG. Non vi sono date certe sulle origini del TAI JI QUAN; tuttavia, sebbene la storia di questa disciplina si perda nella notte dei tempi e numerose versioni attribuiscano a personaggi diversi la paternità, sembra che la creazione del TAI JI QUAN sia da attribuire a ZHANG SAN FENG, un monaco taoista vissuto nel 15 secolo d.C. Prima di diventare monaco taoista ZHANG SAN FENG ivestì la carica di ufficiale governativo ma, sembra, che dopo la morte dei genitori egli abbia lasciato l'incarico per dedicarsi allo studio dell'I-CHING ( libro dei mutamenti), delle tecniche respiratorie taoiste e delle arti marziali al fine di trovare l'immortalità.

 

Gazza serpenteSi dice che egli abbia soggiornato al monastero di SHAOLIN per un lungo periodo (10 anni) per studiarvi quel particolare metodo di allenamento fisico e meditativo che in qualche modo aveva influenzato tutte le tecniche marziali cinesi del WU-SHU. Egli seppe aggiungere alle parti tecniche della scuola SHAOLIN le teorie taoiste della naturalezza e della adattabilità. La sua profonda conoscenza dell'I-CHING, dei testi classici delle tecniche respiratorie taoiste e della maggior parte delle principali scuole di WU-SHU gli permisero di elaborare quel sistema di tecniche chiamato in seguito TAI JI QUAN e considerato il più elevato e raffinato tra i sistemi marziali esistenti. Le tecniche di TAI JI QUAN sono strettamente legate ai concetti cosmologici della filosofia cinese; esse includono lo studio armonico del binomio corpo mente al fine di ottenere, grazie al principio della non resistenza, il massimo dell'efficacia con il minimo sforzo.

 

La leggenda narra che l'idea di creare il TAI JI QUAN venne a ZHANG SAN FENG dopo aver visto un combattimento tra un serpente e una gazza. " -- Nonostante i ripetuti attacchi della gazza egli notò che il serpente reagiva con piccoli spostamenti circolari senza peraltro alterare la sua stabilità; questa strategia convinse CHANG SAN FENG che la morbidezza poteva vincere sulla durezza potendo mantenere una continua condizione di stabilità. --"

 

 

 

 

Ultimi Eventi

08/12/2017 00:00-00:00
Stage Nazionale Invernale
28/01/2018 09:30-12:00
Sankukay Day
03/06/2018 09:30-17:00
Stage di fine anno con sessione d'esami

Home | Contatti

Copyright © 2013, ScuolaItalianaBudo.it - All Rights Reserved.